New Entry

Cesto Dulcis
Cesto Dulcis
€36.00
Add to Cart
Cesto Antichi Sapori
Cesto Antichi Sapori
€42.00
Add to Cart
Cesto Natalizio
Cesto Natalizio
€55.00
Add to Cart
Condimento pasta con sarde
Condimento pasta con sarde
€5.70
Add to Cart

Seleziona Lingua

Ricerca con Google

Ricerca personalizzata
Segnalato da TrovaPrezzi
Segnalato da ShoppyDoo
Home arrow Home arrow Proverbi Siciliani
Quotes

A casa, senza a fimmina, ‘mpuvirisci.
La casa, senza la donna, impoverisce.

Lu lupu di mala cuscenza comu opira penza.
Il lupo disonesto pensa degli altri ciò che saprebbe fare lui.

Munti e munti `un s`incontranu mà.
I monti non s'incontrano mai con altri monti
Invece le persone prima o poi s'incontrano

La pignata taliata `un vugghi mai.

La pentola guardata non bolle mai
Quando una cosa si aspetta non arriva mai

Attacca lu sceccu dunni voli lu patruni.
Lega l'asino dove vuole il padrone.
Attieniti alle disposizioni di chi sta al di sopra di te

Cu `un fa nenti `un sbaglia nenti.

Solo chi non fa niente non commette errori

Prima di parlari mastica li paroli.
Prima di parlare mastica le parole.
Rifletti bene sulle parole che stai dicendo

Cu avi la cummirità e `un si nni servi mancu lu cunfissuri lu pò assolviri.

Chi ha la possibilità di vivere bene e non la sfrutta non può essere perdonato neanche dal confessore.

Di `na rosa nasci `na spina. Di `na spina nasci `na rosa.

Da una rosa nasce una spina, da una spina nasce una rosa.

Cu nesci arrinesci

Chi si allontana dal suo ambiente viene a trovarsi in una condizione migliore.

Iunciti cu lu megghiu e perdicci li spisi.

Frequenta le persone migliori anche se ciò comporta qualche sacrificio.

Si ad ogni cani chi abbaia ci vò tirari `na petra `un t`arrestanu vrazza.

Se vuoi tirare una pietra ad ogni cane che abbaia le tue braccia non ce la faranno.

Ogni cani è liuni a la sò casa.

Ogni cane nelle sua casa si sente un leone.

Ovu d`un`ura, pani d`un jornu e vinu d`un annu `un ficiru mai dannu.

Uovo di un`ora, pane di un giorno e vino di un anno non hanno fatto mai male.

Li sordi di lu `Nfinfirinfì si li mancia lu `nfinfirinfà.

I soldi guadagnati in modo disonesto vengono spesi male.

Servu d`autru si fa cu dici lu sigretu chi sa.

Chi racconta i propri segreti si fa servo degli altri.

Fa beni e scordatillu, fa mali e pensaci.

Fai il bene e dimenticalo, fai il male e pensaci.

Lassa lu focu ardenti e succurri la parturienti.

Lascia il fuoco acceso e porta immediato soccorso a chi sta per partorire.

Quannu ‘u piru è maturu cari sulu.

Quando la pera é matura cade da sola.
(Col passare del tempo le situazioni si chiariscono da sole.)

U cani muzzica sempre ‘u spardatu
Il cane morde sempre il povero
(
I guai capitano a chi ne ha già abbastanza.)

Lu rispettu è misuratu, cu lu porta l’havi purtato.

Il rispetto è misurato.Chi lo porta lo riceve.

Nuddu si pigghia si ‘un si assimigghia.

Le persone si scelgono perchè si somigliano.

Cu mancia fa muddrichi.
Chi mangia fa briciole.
(Chi fa qualcosa inevitabilmente commette qualche errore.)

Cu fa carteddi, ‘ni fa lari e ‘ni fa beddi.

Chi fa cesti ne fa brutti e ne fa belli.
(Nelle cose che realizziamo non sempre raggiungiamo i migliori risultati.)

Cu duna prima duna `ntimenza, cu duna doppu cu tutti li senza.
Chi colpisce per primo colpisce con esitazione, chi risponde alla provocazione lo fa con tutta la sua forza.

Aranci aranci, cu havi guai si li chianci.

Aranci aranci, chi ha guai se li pianga da solo.

A li ricchi ricchizzi, a li scarsi scarsizzi.

Ai ricchi ricchezze, ai poveri povertà.

La nostra casa n`abbrazza e ni vasa.

La nostra casa ci abbraccia e ci bacia, ossia ci accoglie calorosamente.

`Addu o senza `addu Diu fa jornu e senza lu to crivu spagghiu e cernu.

Con il gallo o senza il gallo Dio fa sorgere ugualmente il sole ed io senza il tuo setaccio ugualmente pulisco il grano e lo seleziono.

`Unn`è sempri chi ghioca e riri la muggheri di lu latru.

Non sempre alla moglie del ladro le cose vanno bene per cui gioca e ride.

Lu bonu no vali cchiù di lu tintu sì.

Il no detto con grazia vale più del sì detto sgarbatamente.

Du` su` i putenti, cu avi assà e cu nun avi nenti.

Due sono i potenti, chi ha tanto e chi non ha niente.

Chiddu chi fa p`i me denti nun fa p`i me parenti.

Ciò che è utile per me non lo è per gli altri.

Aceddru `nta la aggia `un canta p`amuri, ma pi raggia.

Uccello in gabbia non canta per amore, ma per rabbia.

Ama a cu t`ama si vo` aviri spassu, chi amari a cu nun t`ama e` tempu persu.

Ama chi ti ama se vuoi trarne piacere, perche` amare chi non ti ama e` tempo perso.

Li guai di la pignata li sapi la cucchiara chi li rimina.
I guai della pentola li conosce solo il cucchiaio che li mescola.

Quannu lu diavulu t`alliscia voli l`arma.

Quando il diavolo ti adula vuole l`anima.

 

Spenni picca e arricchirai, parla picca e `nzirtirai, mancia picca e campirai.
Spendi poco e diventerai ricco, parla poco e sarà la scelta migliore,mangia poco e vivrai a lungo.

Megghiu `na vota arrussiari chi centu voti aggianniari.

Meglio arrossire una volta che farsi giallo di bile cento volte.

Soccu ora si schifia veni lu tempu chi si addisia.

Quello che adesso si disprezza un giorno sarà desiderato.

Siddru lu beni nun ritorna a mali nun si chiama beni.

Se il bene che facciamo non ci ritorna come male non si chiama bene.

Vali cchiu` un sceccu `ntirrugannu, ca un ancilu rispunnennu.

Vale di piu` un asino ad interrogare, che un angelo a rispondere.

Quannu la furtuna vota ogni amicu si fa la ritirata.

Quando la fortuna volta le spalle tutti gli amici si allontanano.

Quannu la lingua voli parrari, divi prima a lu cori dimannari.

Quando la lingua vuole parlare, deve prima chiedere al cuore.

Si pri paura di corvi `un si semina linusa, nun putissimu aviri la cammisa.

Se per paura dei corvi non si semina il lino, non potremmo avere la camicia

Cu strigghia lu so` cavaddru `un si chiama garzuni.

Chi striglia il proprio cavallo non si chiama garzone

Diu fa l`abbunnanzia e li ricchi la caristia.
 Dio fa l'abbondanza e i ricchi la carestia

Acqua, cunsigghiu e sali a cu `unn`addumanna `un ci nni dari.
acqua, consiglio e sale non darne a chi non te ne chiede

Aspittari e nun viniri, jiri a tavula e nun manciari, jiri a lettu e nun durmiri
su` tri peni di muriri.

Aspettare qualcuno che non viene, andare a tavola e non mangiare, andare a letto e non dormire sono tre pene da morire.

Arvulu chi nun ciuri e nun fa frutti tagghialu di sutta a quattru botti.

Albero che non fa fiori né frutti taglialo alla base senza esitazione

Assai vali e pocu costa a malu parlari bona risposta.

Una buona risposta a cattive parole vale molto e costa poco

Di la `Mmaculata a Santa Lucia quantu `n passu di cucciuvia. Di Santa Lucia a Natali quantu `n passu di cani. Di Natali all`annu novu quantu `n passu d`omu.
Dall`Immacolata a Santa Lucia quanto un passo di allodola, da Santa Lucia a Natale quanto un passo di cane, da Natale all`anno nuovo quanto un passo d`uomo
(Per dare l`idea di quanto si allunghino le giornate in dicembre)

Lampi e trona, itivinni arrassu, chista é la casa di Sant`Ignaziu. Sant`Ignaziu e San Simuni, chista é la casa di nostru Signuri

Lampi e tuoni, allontanatevi, questa é la casa di Sant`Ignazio. Sant`Ignazio e San Simone, questa é la casa di nostro Signore.
(Formula per scongiurare il maltempo)

Ficu fatta, càrimi `mmucca

Fico maturo, cadimi in bocca.
(Si dice di chi vorrebbe evitare anche le fatiche minime.)

Essiri `na musca nta `n mmoscu

Essere una mosca in un bosco.
(Si dice di chi si trova in un ambiente molto vasto completamente solo.)

Cu lu tuppu `un t`appi, senza tuppu t`appi. Cu lu tuppu o senza tuppu,
basta chi t`appi e comu t`appi t`appi. Scioglilingua:

Con i capelli raccolti sulla nuca non ti ho avuta, senza capelli raccolti sulla nuca ti ho avuta. Con i capelli raccolti o senza capelli raccolti, basta che ti abbia avuta, comunque ti abbia avuta.
(Si racconta scherzosamente di un giovane, innamorato di una ragazza che portava i capelli raccolti sulla nuca. La madre della ragazza si oppose a quell`amore a la giovane per il dolore si tagliò i capelli. Allora la madre, pentita, acconsentì, per cui il giovane ebbe motivo di pronunziare le parole dette sopra)

Irisinni ursu tu e ursu jè.

Si dice di persone che si devono allontanare cautamente e ognuna per conto proprio, come se non si conoscessero.

Cu `n pettirrussu ficimu a Natali. A mia mi tuccà lu pizzu e l`ali, a mè cumpari l`ugna di li peri.

Con un pettirosso abbiamo fatto il pranzo di Natale. A me sono toccati il becco e le ali, a mio compare le unghie dei piedi.
(Si dice di pranzi o cene molto poveri.)

S'avissi pignateddu, ogghiu e sali mi facissi lu pani cottu, s`avissi lu pani.

Se avessi il pentolino, l`olio e il sale, mi farei il pane cotto, se avessi il pane.
(Si dice di chi vuole realizzare un progetto senza averne assolutamente i mezzi.)

Lu rialu di la soggira a la nora, rapi la cascia e pigghia `na fava.

Il regalo della suocera alla nuora, apre la cassa e prende una fava.

Santa lagnusia, `un m`abbannunati chi mancu speru abbannunari a vui.

Santa pigrizia, non abbandonatemi, ché anch'io spero di non abbandonare voi.
(La preghiera del pigro)

A facci ca non è vista, è disiddirata.
Volto non visto, è più desiderato.

A fimmina ca havi russuri, attira chiù d’i ricchizzi.
La donna attira più col suo pudore, che colle sue ricchezze.

Ama a cu t’ama, rispunti a cu’ ti chiama.
Ama chi t’ama, rispondi a chi ti chiama.

Bona maritata, senza sòggira e cugnata.
E’ ben sposata, la donna che non ha né suocera né cognata.

Cu si marita ‘nto quartieri bivi ‘nto so bicchieri; cu si marita ‘nta centrata, bivi ‘nta cannata.
Chi sposa nel suo quartiere, beve nel suo bicchiere; chi sposa nella sua contrada, beve nell’anfora.

Facci ca non è vista, è disiata.
Faccia che non è vista, è desiderata.

Fimmina barbuta, mancu di luntanu si saluta.
Donna barbuta, non salutarla neppure da lontano.

Fimmina bona, vali chiù di ‘na corona.
Una donna fine, val più di una corona regale.

Fimmina di tilaru, jaddina di puddaru, e trigghia di jnnaru.
Donna lavoratrice, gallina di pollaio, e triglia di gennaio.

Fimmina ca non s’allucia all’oru, vali chiossai di ‘n trisoru.
Donna che non si fa affascinare dall’oro, val più di un tesoro.

I fimmini quarchi vota dìciunu u veru, ma non lu dìciunu interu.
Le donne talora dicono il vero, ma non lo dicono intero.

L’amuri è misuratu, cu lu porta, l’havi purtatu.
L’amore è reciproco, chi ne dà, ne riceve.

La farfalla, a lu lumi attornu vola.
La farfalla vola sempre attorno alla luce.

L’acqua si ni va ‘nta la pinnenza, l’amuri si ni va unni c’è spranza.
L’acqua scende lungo il pendio, l’amore se ne va dove c’è speranza.

L’acqua si ni va ‘nta la pinnenza, l’amuri si ni va unni c’è spranza.
L’acqua scende lungo il pendio, l’amore se ne va dove c’è speranza.

La lontananza ‘un abbannuna amuri, chiuttostu menti ‘na vampa ‘nto cori.
Il distacco non fa diminuire l’affetto, anzi accende un fuoco nel cuore.

Muggheri onesta, trisoru ca resta.
Moglie onesta, tesoro che resta.

Non amari a cu t’ama è gran piccatu, amari a cu non t’ama è tempu persu.
Non amare chi t’ama è gran peccato, amare chi non t’ama è tempo perso.

Non c’è nenti chi fari, simpatia e antipatia su’ cosi naturali.
Non c’è niente da fare, simpatia e antipatia son fatti naturali.

Non c’è sàbbutu senza suli, non c’è fimmina senza amuri.
Non c’è sabato senza sole, non c’è donna senza amore.

Non ci po’ èssiri veru amuri, unni ognunu voli èssiri pattruni.
Non ci può essere vero amore , dove ciascuno voglia essere padrone esclusivo delle proprie cose.

Non si’ amatu, si pensi sulu a tia.
Non sarai amato, se penserai solo a te.

Non su’i biddizzi ca ti fannu amari, ma a gentilezza e lu bonu parrai.
Non sono soltanto le tue bellezze a farti amare, ma la gentilezza e il cortese parlare.

Nuddu ti pigghia, si non t’arrassumigghia.
Nessuno ti piglia, se non ti rassomiglia.

Partutu ca l’amuri, resta lu pintimentu e lu duluri.
Svanito l’amore, restano il pentimento ed il dolore.

Ppi cu ama, ogni goccia di suduri, è na perla prizziusa di lu cori.
Per l’innamorato, ogni goccia di sudore, è una perla preziosa del cuore.

Quannu l’amuri tuppulìa, non lu lassari ammenzu a la via.
Quando l’amore bussa alla tua porta, non lo lasciare in strada.

S’astuta prestu lu focu di pagghia.
Si spegne presto il fuoco di paglia.

Unni c’è interessi, non c’è amuri.
Dove prevalgono gli interessi materiali, non c’è amore.

Giudicari e 'nniminari Diu sulu lu pò fari.

(Giudicare e indovinare Dio solo lo può fare).

Ama Diu cu tuttu cori e li mali lingui làssali jiri.

(Ama Dio con tutto il cuore e le male lingue,lasciale andare).

 

Lu Signuri joca gravusu, ma è sempri patri misiricurdiusu.

(Il Signore giuoca in modo gravoso, ma è sempre misericordioso).

Bona maritata senza soggira e cugnata.

(Ben maritata (è quella sposa che è) senza suocera e cognata).

Lu silenziu è l'arma di lu nigoziu.

(Il silenzio è l'arma del negozio).

Cui sta a spiranza di disigni e sonni, tempu perdi, pigghia muschi e malanni.

(Chi sta a sperare nei progetti e nei sogni, perde tempo e prende mosche e malanni).

Suli càuru cu assai ventu vaju a casa e sù cuntentu.

(Sole caldo con molto vento, vado a casa e son contento).

Cui nun pò dari ajutu, 'nvanu ascuta.

(Chi non può dare aiuto, invano ascolta).

Lu veru saviu è cui si sarva l'arma dici sant'Arfonsu.

(Savio autentico è colui che salva l'anima, dice sant'Alfonso).

La saluti veni di l'alligrizza di lu cori.

(La salute scaturisce dall'allegrezza del cuore).

Voi stari di saluti sempri chinu?/mancia sempri ova e trinca bonu vinu.

(Vuoi esser sempre di salute pieno? Mangia sempre uova e trinca vino buono).

A spiziali nun tastari, a firraru nun tuccari.

(Dallo speziale non assaggiare, dal fabbro non toccare).

Cui nun senti raggiuni, nun pò fari così cu raggiuni.

(Chi non intende ragione, non può agire con senno).

Cui perdi l'onuri, perdi assai, ma cui perdi la fidi, perdi tuttu.

(Chi perde l'onore perde molto, ma chi perde la fede perde tutto).

Megghiu muriri chi rùmpiri la fidi.

(Meglio morire che rompere la fede).

Pri la suverchia cummidità la riligioni pirirà.

(Per soverchio amore di comodità la religione perirà).

Santa lagnusia, `un m`abbannunati chi mancu speru abbannunari a vui.

Santa pigrizia, non abbandonatemi, ché anch'io spero di non abbandonare voi.
(La preghiera del pigro)

Lu rialu di la soggira a la nora, rapi la cascia e pigghia `na fava.

Il regalo della suocera alla nuora, apre la cassa e prende una fava.

S'avissi pignateddu, ogghiu e sali mi facissi lu pani cottu, s`avissi lu pani.

Se avessi il pentolino, l`olio e il sale, mi farei il pane cotto, se avessi il pane.
(Si dice di chi vuole realizzare un progetto senza averne assolutamente i mezzi.)

Cu `n pettirrussu ficimu a Natali. A mia mi tuccà lu pizzu e l`ali, a mè cumpari l`ugna di li peri.

Con un pettirosso abbiamo fatto il pranzo di Natale. A me sono toccati il becco e le ali, a mio compare le unghie dei piedi.
(Si dice di pranzi o cene molto poveri.)

Irisinni ursu tu e ursu jè.

Si dice di persone che si devono allontanare cautamente e ognuna per conto proprio, come se non si conoscessero.

Cu lu tuppu `un t`appi, senza tuppu t`appi. Cu lu tuppu o senza tuppu,
basta chi t`appi e comu t`appi t`appi. Scioglilingua:

Con i capelli raccolti sulla nuca non ti ho avuta, senza capelli raccolti sulla nuca ti ho avuta. Con i capelli raccolti o senza capelli raccolti, basta che ti abbia avuta, comunque ti abbia avuta.
(Si racconta scherzosamente di un giovane, innamorato di una ragazza che portava i capelli raccolti sulla nuca. La madre della ragazza si oppose a quell`amore a la giovane per il dolore si tagliò i capelli. Allora la madre, pentita, acconsentì, per cui il giovane ebbe motivo di pronunziare le parole dette sopra)

Essiri `na musca nta `n mmoscu

Essere una mosca in un bosco.
(Si dice di chi si trova in un ambiente molto vasto completamente solo.)

Ficu fatta, càrimi `mmucca

Fico maturo, cadimi in bocca.
(Si dice di chi vorrebbe evitare anche le fatiche minime.)

Lampi e trona, itivinni arrassu, chista é la casa di Sant`Ignaziu. Sant`Ignaziu e San Simuni, chista é la casa di nostru Signuri

Lampi e tuoni, allontanatevi, questa é la casa di Sant`Ignazio. Sant`Ignazio e San Simone, questa é la casa di nostro Signore.
(Formula per scongiurare il maltempo)

Di la `Mmaculata a Santa Lucia quantu `n passu di cucciuvia. Di Santa Lucia a Natali quantu `n passu di cani. Di Natali all`annu novu quantu `n passu d`omu.
Dall`Immacolata a Santa Lucia quanto un passo di allodola, da Santa Lucia a Natale quanto un passo di cane, da Natale all`anno nuovo quanto un passo d`uomo
(Per dare l`idea di quanto si allunghino le giornate in dicembre)

Assai vali e pocu costa a malu parlari bona risposta.

Una buona risposta a cattive parole vale molto e costa poco

Arvulu chi nun ciuri e nun fa frutti tagghialu di sutta a quattru botti.

Albero che non fa fiori né frutti taglialo alla base senza esitazione

Aspittari e nun viniri, jiri a tavula e nun manciari, jiri a lettu e nun durmiri
su` tri peni di muriri.

Aspettare qualcuno che non viene, andare a tavola e non mangiare, andare a letto e non dormire sono tre pene da morire.

Acqua, cunsigghiu e sali a cu `unn`addumanna `un ci nni dari.
acqua, consiglio e sale non darne a chi non te ne chiede

Diu fa l`abbunnanzia e li ricchi la caristia.
 Dio fa l'abbondanza e i ricchi la carestia

Cu strigghia lu so` cavaddru `un si chiama garzuni.

Chi striglia il proprio cavallo non si chiama garzone

Si pri paura di corvi `un si semina linusa, nun putissimu aviri la cammisa.

Se per paura dei corvi non si semina il lino, non potremmo avere la camicia

Quannu la lingua voli parrari, divi prima a lu cori dimannari.

Quando la lingua vuole parlare, deve prima chiedere al cuore.

Quannu la furtuna vota ogni amicu si fa la ritirata.

Quando la fortuna volta le spalle tutti gli amici si allontanano.

Vali cchiu` un sceccu `ntirrugannu, ca un ancilu rispunnennu.

Vale di piu` un asino ad interrogare, che un angelo a rispondere.

Siddru lu beni nun ritorna a mali nun si chiama beni.

Se il bene che facciamo non ci ritorna come male non si chiama bene.

Soccu ora si schifia veni lu tempu chi si addisia.

Quello che adesso si disprezza un giorno sarà desiderato.

Megghiu `na vota arrussiari chi centu voti aggianniari.

Meglio arrossire una volta che farsi giallo di bile cento volte.

Spenni picca e arricchirai, parla picca e `nzirtirai, mancia picca e campirai.
Spendi poco e diventerai ricco, parla poco e sarà la scelta migliore,mangia poco e vivrai a lungo.

Quannu lu diavulu t`alliscia voli l`arma.

Quando il diavolo ti adula vuole l`anima.

Li guai di la pignata li sapi la cucchiara chi li rimina.
I guai della pentola li conosce solo il cucchiaio che li mescola.

Ama a cu t`ama si vo` aviri spassu, chi amari a cu nun t`ama e` tempu persu.

Ama chi ti ama se vuoi trarne piacere, perche` amare chi non ti ama e` tempo perso.

Aceddru `nta la aggia `un canta p`amuri, ma pi raggia.

Uccello in gabbia non canta per amore, ma per rabbia.

Chiddu chi fa p`i me denti nun fa p`i me parenti.

Ciò che è utile per me non lo è per gli altri.

Du` su` i putenti, cu avi assà e cu nun avi nenti.

Due sono i potenti, chi ha tanto e chi non ha niente.

Lu bonu no vali cchiù di lu tintu sì.

Il no detto con grazia vale più del sì detto sgarbatamente.

`Unn`è sempri chi ghioca e riri la muggheri di lu latru.

Non sempre alla moglie del ladro le cose vanno bene per cui gioca e ride.

`Addu o senza `addu Diu fa jornu e senza lu to crivu spagghiu e cernu.

Con il gallo o senza il gallo Dio fa sorgere ugualmente il sole ed io senza il tuo setaccio ugualmente pulisco il grano e lo seleziono.

La nostra casa n`abbrazza e ni vasa.

La nostra casa ci abbraccia e ci bacia, ossia ci accoglie calorosamente.

A li ricchi ricchizzi, a li scarsi scarsizzi.

Ai ricchi ricchezze, ai poveri povertà.

Aranci aranci, cu havi guai si li chianci.

Aranci aranci, chi ha guai se li pianga da solo.

 Cu duna prima duna `ntimenza, cu duna doppu cu tutti li senza.

Chi colpisce per primo colpisce con esitazione, chi risponde alla provocazione lo fa con tutta la sua forza.

Cu fa carteddi, ‘ni fa lari e ‘ni fa beddi.

Chi fa cesti ne fa brutti e ne fa belli.
(Nelle cose che realizziamo non sempre raggiungiamo i migliori risultati.)

Cu mancia fa muddrichi.
Chi mangia fa briciole.
(Chi fa qualcosa inevitabilmente commette qualche errore.)

Nuddu si pigghia si ‘un si assimigghia.

Le persone si scelgono perchè si somigliano.

Lu rispettu è misuratu, cu lu porta l’havi purtato.

Il rispetto è misurato.Chi lo porta lo riceve.

Quannu ‘u piru è maturu cari sulu.

Quando la pera é matura cade da sola.
(Col passare del tempo le situazioni si chiariscono da sole.)

U cani muzzica sempre ‘u spardatu

Il cane morde sempre il povero
(
I guai capitano a chi ne ha già abbastanza.)

Lassa lu focu ardenti e succurri la parturienti.

Lascia il fuoco acceso e porta immediato soccorso a chi sta per partorire.

I ricchizzi d'o viddanu su comu l'acqua n'o panaru.

(Le ricchezze del contadino sono come l'acqua nel paniere)

Tannu u' massaru è riccu, quannu Iinnaru lassa ulippu.

(Allora il contadino è ricco, quando Gennaio lascia il muschio - quando piove in abbondanza)

Sabba 'a pezza pi quannu veni 'u puttusu.

(Conserva la pezza per quando arriva il buco)
 

La fimmina è comu li muluna: mmenzu a centu ci nn'é bona una.

(La donna é come i meloni: in mezzo a cento ce n'é una buona)

U immurùtu ieva e vinèva e u immu sò nun s'u vireva.

(Il gobbo andava e veniva ma la sua gobba non la vedeva)
 

U lupu di mala cuscienza comu opira accussì pensa.

(Il lupo con la coscienza sporca pensa che gli altri agiscano come lui)

Ammàtula ca t'allisci e fai cannola: u santu è di màmmuru e nun sura.

(E' inutile che t'imbelletti e ti fai i ricci: il santo è di marmo e non suda.)
 

Petra ca nun fa lippu, u ciumi si la tira.

(La pietra che non fa il muschio viene trascinata via dal fiume)

Cui sempri viri a prucissioni e a missi, lignu nunn'è ppi fari crucifissi.

(Chi sempre vedi a processioni e a messa, non è legno per fare crocifissi.)

Ri chiddu ca viri, pocu ni criri; ri chiddu ca senti, nun cririri nenti.

(Credi poco a quello che vedi e per nulla a quello che senti.)

Tri sunu li putenti: u papa, u re e cu nunn'avi nenti.

(Tre sono i potenti: il papa, il re e chi non ha niente.)
 

Unni ci su campani, ci su buttani.

(Dove ci sono campane, ci sono "peripatetiche".)

Ci rissi u vermi a' nuci: dammi tempu ca ti perciu.

(Disse il verme alla noce: dammi tempo che ti buco.)

A iaddina ca camina, torna c'a vozza china.

(La gallina che cammina, torna con il gozzo pieno.)

Quannu a vulpi nunn'arriva a' racina, dici ca è rancida.

(Quando la volpe non arriva all'uva, dice che è acerba.)

Ognunu e' patruni di pulizziarisi u' culu c'un corpu i lupara.

(Ciascuno è libero di pulirsi il sedere con un colpo di lupara.)

Cu fa ligna a mala banna, 'a sciri 'ncoddu.

(Chi fa legna in un cattivo posto, la deve portar fuori addosso.)

 

'A quattara ca va all'acqua, o si rumpi, o si ciacca.

(La brocca che va all'acqua, o si rompe, o si incrina.)

Cu si cucca ch'e picciriddi, 'a matina si susi pisciatu.

(Chi si corica con i bambini, la mattina si sveglia...bagnato.)

Cu di nu sceccu fa 'n cavaddu, u primo cauciu s'u pigghia iddu.

(Chi di un asino fa un cavallo, si prende il primo calcio)

A lu viddanu nun ci toccanu nguanti, ma a zappa in coddu e 'u sceccu davanti.

(Al villano non toccano guanti, ma la zappa sulla spalla e l'asino davanti)

Acqua, cunsigghi e sali: senza addumannàti nun ni dari.

(Acqua, consigli e sale: a chi non li domanda non li dare)

A cosa 'ncimata è menza cusuta.

(Un abito imbastito è mezzo cucito)


Powered by Medinetworks S.r.l.